10 results

Results

Una particolare storia familiare lega Marinella Staico al territorio isolano apportando alla sua creatività innovatrice il pregio di rimandi a competenze che arrivano dalla tradizione. La sua famiglia di origine greca arrivata in Sardegna alla fine del 1700 attiverà la produzione de Su Sereniccu, cappotto in panno diventato parte integrante dell'abito tradizionale maschile nel Campidano e che lei oggi rivisita e ripropone in chiave moderna. Formata presso l’Istituto di Moda Burgo a Milano apre nel 2000 ad Assemini il suo atelier di sartoria artigianale in cui lavora con estro e perizia tecnica alla sue creazioni. La cura delle diverse fasi esecutive inizia con la scelta dei tessuti, includendo spesso le tessiture tradizionali che accosta in bilanciate ed originali composizioni. Con le sue creazioni Marinella partecipa a sfilate di moda e ai principali eventi fieristici del settore in Sardegna distinguendosi per il carattere creativo unito all'alta professionalità.

Ceramiche smaltate variopinte, perle di forma lavorata che invitano ad essere osservate, toccate, accostate e scelte, sono le pregiate creazioni dei Monili di Mag della poliedrica ceramista Maria Grazia Gavini. Dopo gli studi artistici presso la Scuola d'Arte di Sassari sceglie la ceramica come mezzo espressivo, indagando e sperimentando soluzioni stilistiche e cromatismi che rimandano al carisma della natura isolana di cui ne padroneggia la resa nelle vibranti superfici lavorate e smaltate. Nel suo laboratorio attivo dal 2008 ad Assemini, paese isolano animato da una viva tradizione artigianale della ceramica, Maria Grazia Gavini si dedica alla sua distintiva produzione, allegra ed al contempo elegante, ispirata ad un personale mondo creativo in cui si distingue l'originale tratto artistico e la finezza di una ricercata competenza artigiana. Con le sue opere partecipa alla più importanti manifestazioni fieristiche regionali destinate alle eccellenze dell’artigianato locale.

La ceramiche di Ignazia Tinti incantano per la delicatezza dei minuziosi dettagli che evocano con poesia il pane cerimoniale nella tradizione locale. Formata al Liceo Artistico di Cagliari inizia un ricco percorso di ricerca e specializzazione come artista e come ceramista, indagando diverse forme di lavorazione plastica e scultorea, con la significativa esperienza presso la fonderia del noto scultore Franco D’Aspro a Cagliari che la porta ad acquisire la qualifica di orafa. Le diverse competenze tecniche la conducono a raggiungere un'identità stilistica ben definita che affonda le sue radici nella preziosa indagine eseguita sul pane della tradizione sarda, su pani pintau, ricchissimo nelle decorazioni plastiche benaugurati a cui lei s'ispira con distintiva manifattura che è risultato di contaminazioni di tecniche orafe e ceramiche. La gallinella ed i pulcini sono il suo simbolo, riprodotti con accurata, paziente e preziosa manifattura. Personalità sensibile, Ignazia Tinti ha maturato esperienze d'insegnamento con finalità sociali, attivando tra l'altro una lunga collaborazione con la comunità di Padre Morittu dei frati minori Francescani di Sardegna. Il suo laboratorio La Fantastica Bottega ad Assemini, paese di antica tradizione ceramica, è una distintiva e premiata espressione artigianale del vivo sapere locale. Partecipa ed espone ai principali eventi fieristici, concorsi e mostre delle eccellenze locali ed internazionali ed è presente nei più significativi punti vendita dell'artigianato isolano.

Le pregiate ceramiche di Doriana Usai sono il risultato del perfetto connubio tra una preziosa competenza artigianale di famiglia, giunta con lei alla quinta generazione, unita ad un percorso formativo di eccellenza nella lavorazione della ceramica. Cresciuta respirando l'area creativa della tradizione nel laboratorio del padre Efisio Usai ad Assemini, centro di antica e rinomata produzione ceramica, Doriana dopo il Liceo Artistico di Cagliari prosegue la formazione in ambito ceramico frequentando prestigiosi corsi a Faenza, a Montelupo Fiorentino e Deruta, decidendo infine di ampliare la propria formazione laureandosi all'Università E- Campus di Milano in lettere e in design. Forte di competenza e motivata da sincera ispirazione, la produzione di Doriana Usai si caratterizza per la bellezza della lavorazione artigianale e per la ricchezza delle decorazioni che raccontano storie di antiche tradizioni espresse in ricercati esiti decorativi. Esperta torniante vince numerose volte il campionato mondiale di lavorazione al tornio a Faenza e dal 2006 è iscritta all'albo speciale di produttori di ceramica artistica con marchio DOC. Partecipa come rappresentate delle eccellenze locali a mostre in ambito nazionale ed internazionale ed ai principali eventi fieristici dedicati all’artigianato sardo.

La produzione Ceramiche Mattana è un'attività a conduzione famigliare fondata nel 1987 da Ignazia Mattana e oggi gestita dalla figlia Simona che porta avanti con rinnovato entusiasmo e competenza la tradizione di famiglia. Dopo aver concluso l’apprendistato presso il laboratorio di un noto ceramista locale, iniziato a soli quindici anni, Ignazia decide di aprire il proprio laboratorio ad Assemini, paese di antica e rinomata tradizione ceramica, motivata da grande passione e fortemente supportata nella nuova attività dal marito Luciano. La produzione inizia con una ristretta serie di vasellame per la tavola smaltato e decorato con motivi ripresi dal campionario tipico della tradizione locale. Simona fin da piccola partecipa con vivo interesse alla vita del laboratorio, collaborando fattivamente alla produzione. Prosegue in seguito la propria formazione diplomandosi all'Accademia delle Belle Arti di Firenze nel corso di scultura. Nel tempo l'attività si consolida e la produzione cresce con l'introduzione di nuove forme e con la personalizzazione dei motivi, sempre incentrati sulla tradizione. Le collezioni Ceramiche Mattana sono oggi presenti nei negozi dei maggiori centri turistici dell’isola specializzati nella proposta di produzioni artigianali di qualità.

Dai gioielli di Anna Catalano traspare un animo sensibile e raffinato che con grande perizia e passione realizza preziosi manufatti di elegante senso artistico. L'antica tecnica della filigrana viene da lei interpretata con gusto contemporaneo attraverso procedure personalizzate unite ad uno stile sperimentale di grande carisma. Si forma nella lavorazione orafa attraverso percorsi di formazione professionale, all’interno dei quali ha la fortuna di avere come maestro un eccellente maestro filigranista che la appassiona a questa antica arte. Nel 2014 apre il proprio laboratorio ad Assemini, paese del circondario di Cagliari dove tutt’ora lavora ed espone le proprie creazioni. Attenta nello studio e artisticamente predisposta, si distacca dalla tradizione per affrontare un personale discorso di sperimentazione che la porta ad affermarsi e contraddistinguersi per l'uso inusuale degli smalti in combinazione alla filigrana. Giovane nella sua attività, partecipa con le sue creazioni ai principali eventi e mostre del settore dedicate alle eccellenze artigianali locali.

Roberto Mele ha appreso l’arte dell’oreficeria da giovanissimo da suo padre Giuseppe, orafo e orologiaio dalla personalità eclettica che trasferisce nel proprio laboratorio cagliaritano esperienze di una suggestiva storia familiare, fatta di lunghi viaggi e avvincenti racconti. Qui impara le tecniche dell’oreficeria classica oltre alla lavorazione tradizionale della filigrana e della cera persa. Nelle sue creazioni esprime liberamente la personale sensibilità artistica, dando vita ad una produzione pensata per essere ulteriormente personalizzata dal cliente, condizione indispensabile per far nascere oggetti unici e di affezione. Il laboratorio di Assemini è annesso alla gioielleria ed orologeria di famiglia rinomata inoltre per la competente assistenza per strumenti di precisione e per il restauro di gioielli antichi e moderni. Roberto promuove e divulga il suo lavoro, anche con suggestive dimostrazioni pratiche delle raffinate fasi di lavorazione, partecipando ai principali eventi del settore artigianale e dell’oreficeria locale.

Per Andrea Farci, maestro artigiano, la lavorazione della ceramica è un sapere di famiglia. Ceramista asseminese di terza generazione, apprende sin da giovanissimo le tecniche ceramiche nella storica bottega del nonno Vincenzo, con il padre Giuseppe e gli zii Gianfranco e Gaetano. La sua innata manualità artigiana e sensibilità artistica, arricchita in formazione dagli studi svolti presso il Liceo Artistico di Cagliari, lo hanno portato a proseguire con immutato riconoscimento e affermazione la tradizione di famiglia, dando vita ad una personale produzione riconoscibile per lo stile e per la qualità di manifattura. Andrea con le sue creazioni partecipa ad importanti fiere e mostre del settore ed è inserito nei principali circuiti specializzati nella vendita e promozione dell’artigianato locale di alta qualità.

In Gianni Deidda, erede di una tradizione che dura dal 1830, c’è un’anima di pastore che osserva la natura e la ricerca con le sue mani. Il suo tornire la creta non è raggiungere il massimo di estendibilità o di altezza, piuttosto lo studio e la purezza delle forme; la gioia e la capacità, per metà genetica per metà personale, di sagomare la perfetta rotondità di orli e di basi: la ciotola profonda quanto è necessario, il piatto largo quanto è giusto, una sfericità misurata, aurea. I suoi decori hanno l’eleganza del merletto e la nitidezza e l’incisività dell’intaglio, la inesauribile fantasia del motivo ripetuto eppure mai uguale: un mandala, un albero della vita centrico dai colori che sanno di alghe, di fiori e di vento.

Walter è figlio di Elvio e nipote di Efisio, tutti ceramisti, figuli asseminesi. La tradizione di famiglia è custodita nel suo laboratorio ad Assemini, centro storicamente specializzato nella manifattura di vasellame in terracotta modellata al tornio. Conosce i segreti di lavorazione ed è parte, senza tramiti, della tradizione. Lo stile della bottega ha la sicurezza della competenza e la disinvoltura di chi conosce la tradizione e può osare variazioni. Sono interessanti le risultanti estetiche degli interventi, puliti e bilanciati, che propone sui manufatti tradizionali, capaci di esprimere amore per la tradizione e ricerca nel contemporaneo. Ben conosciuta all'interno dei più validi circuiti di esposizione e vendita di ceramiche artigianali, propone una produzione che racconta un'appassionata dedizione di famiglia. La visita al laboratorio permette di vedere padre e figlio al tornio, suggestione carica di valori antropologici ed etnografici.

Ricerca attuale:

[×]

Centro territoriale

: Assemini

Categorie di ricerca:

archivio
dei saperi artigianali
del mediterraneo

mediterranean
crafts
archive

X
Loading