6 results

Results

Akrenoera, laboratorio artigianale di Samugheo, nasce nel 1999 per volontà e intuito di Antonella Musu e Luigi Todde, proponendosi da subito come studio artistico in cui ricerca e sperimentazione sono finalizzate alla realizzazione di oggetti in vetro dalla personalità distinta ed eloquente. Dalla lavorazione di un materiale antico e misterioso si legge un percorso creativo che vuole raccontare la Sardegna nelle forme, a volte rotonde a volte lineari, e nei colori che la natura isolana mette in forte contrasto. Vetrate, pannelli, installazioni artistiche, piatti e vasi, ogni manufatto esprime e racconta nella trasparenza cromatica suggestioni di una tradizione multiforme che rimanda alla natura e alle usanze di un popolo arcaico, così come arcaica è la lavorazione del vetro.

Per Simonetta Liscia, artista e creativa, la lavorazione del vetro e frutto di una ricerca di espressione artistica che passa attraverso la lavorazione della ceramica e approda all’appassionata sperimentazione tecnica della vetrofusione. Affascinata dalle leggere trasparenze materiche del vetro, intraprende un accurato e distintivo percorso creativo, accompagnato dagli studi svolti presso il Liceo Artistico di Cagliari, arrivando a dare vita ad una particolare e riconoscibile produzione dal tratto fortemente artistico, caratterizzata dai suggestivi effetti cromatici e materici del rame inserito in fusione. In questa singolare contaminazione di materie concentra la sua sperimentazione, inglobando nel vetro lastre di rame che sagoma e lavora preliminarmente nella texture con effetti a sbalzo, ricercando procedure che mantengono ed esaltano il colore del metallo nella trasparenza del manufatto finito, catturando preziosità nella preziosità.

Per Giuliana Satta la lavorazione del vetro è un personale percorso di crescita in continua evoluzione che prosegue in sintonia con la ricerca tecnica e stilistica. Attratta da forme e colori sin da bambina, orienta la sua formazione sull’indirizzo artistico diplomandosi all’istituto d’Arte di Sassari e maturando competenze pittoriche di decorazione. I primi approcci alla decorazione su vetro si rivelano fondamentali, costituendo l’inizio di un appassionato percorso creativo che si consolida con l’apprendimento della tecnica di vetrofusione, perfezionata con studi mirati svolti nel Veneto. Da un’esperienza nella gestione delle aree naturalistiche ha inizio un coinvolgente viaggio all’interno della natura, ed in particolare nel Parco Nazionale dell’Asinara, che stimola la creatività artistica dell’artigiana diventando la musa che ispira la produzione Insula. Nel suo laboratorio, Magia del vetro, dal 2001 racconta con le forme e con i colori i paesaggi isolani, la trasparenza del mare, la luce del sole sulla sabbia e sulla terra.

Dal 1997 nel settore della lavorazione artistica del vetro, la Vetrotiffany Alcoa si caratterizza per la creazione di vetrate artistiche e oggettistica d'arredamento. Fin dagli esordi, Anna Laura Coa, titolare dell'azienda, ha operato una continua sperimentazione nel campo della vetrata artistica in vetrofusione e in tecnica tiffany, insieme a una costante ricerca volta ad amalgamare le tecniche più antiche e classiche con quelle più recenti, al fine di ottenere risultati sempre originali e adatti a qualsiasi soluzione d'arredo. Parallelamente, si è specializzata nella creazione di una linea di oggettistica in fusione, che spazia da piccoli complementi d'arredo a oggetti più complessi, il tutto con un forte richiamo alla sua terra d'origine, la Sardegna che con le sue tradizioni e i suoi colori è sempre stata una grande fonte di ispirazione.

Lo Studio Vetrarte nasce nel 1987 dall’incontro tra Francesca Tedesco e Silvio Sotgiu. Entrambi già con interessanti esperienze nell’ambito della lavorazione artistica del vetro, danno inizio ad un sodalizio che unisce professionalità, conoscenza delle tecniche e dei materiali, capacità progettuali e sensibilità artistica. Nel corso degli anni hanno realizzato molteplici lavori pubblici e privati, collaborando con l’I.S.O.L.A. per la produzione di collezioni di qualità, partecipando tra l'altro all'iniziativa promossa dalla regione Sardegna Domo, XIX Biennale dell'Artigianato Sardo, manifestazione premiata nel 2011 con il prestigioso premio Compasso D'oro. Francesca Tedesco è stata inoltre per molti anni docente di Decorazione presso l’Accademia di Belle Arti di Sassari utilizzando per la lavorazione del vetro tecniche tradizionali, come il mosaico, la tecnica di invetriatura Tiffany e sofisticate tecniche di fusione e modellazione a caldo.

Sandro Moro a soli 19 anni, dopo un periodo di apprendistato, apre il suo laboratorio dove con grande passione porta avanti una personale ricerca e sperimentazione, distintiva nel panorama artigianale locale. Ispirato dalle opere di Gaudì, con i suoi mosaici colorati integrati nell'ambiente, le creazioni dell'artigiano sono composizioni cromatiche di grande effetto, realizzate con tessere di vetro colorate e progettate per ambientarsi con funzione nello spazio in cui viviamo. Vetrodesign realizza numerosi lavori per locali pubblici e privati, la rivista AD lo cita tra le eccellenze dell'artigianato artistico sardo e partecipa a numerose esposizioni in Sardegna e in Italia.

Ricerca attuale:

[×]

Settore

: Vetro

Categorie di ricerca:

Click a term to refine your current search.

Stato

Settore

: all » Vetro

Regione

Centro territoriale

Tipologia di manufatto

archivio
dei saperi artigianali
del mediterraneo

mediterranean
crafts
archive

X
Loading