Results 1 - 15 of 18

Results

Nella produzione artigianale di Pinuccio Marongiu, Laboratori Artigiani, si riconosce la sensibile e pregiata conoscenza del materiale, quella capacità di leggerne le caratteristiche interpretandone le venature e le torsioni per riprodurre oggetti di particolare bellezza che ripropongono, con raffinata progettualità, l'essenza stessa originale del legno catturata in nuova forma e nuova vita. Pinuccio apprende le tecniche artigianali da giovanissimo nel suo paese Ilbono, dove apre negli anni Settanta la sua attività in un clima condiviso di vivace produzione artigianale in più settori. Da subito si contraddistingue per la perizia artigianale e per la capacità di entrare in sinergia con la materia valorizzandone ogni caratteristica e rendendola protagonista nel rispetto della conformazione naturale. Trasferita dal 1991 a Tortolì, paese dell'Ogliastra circondato da uno spettacolare contesto naturalistico di mare limpido, boschi e macchia mediterranea, oggi l'attività è riconosciuta e ricercata in tutto il territorio per la consolidata esclusività della lavorazione artigianale d'eccellenza. Dotato di evidente animo sensibile che lo porta a preziose relazione di sentita amicizia con l'artista Maria Lai, lavora con instancabile ispirazione nella suggestiva cornice naturalistica del suo laboratorio a Tortolì, con il prezioso supporto di suo figlio Marco con cui condivide l'innato amore per la natura, per l'arte e per la poesia in un dialogo che si potenzia ad ogni nuova sperimentazione e che coinvolge l'intera affiatata famiglia.

La produzione artigianale della falegnameria di Pietro Taddeo Fois si caratterizza per la manifattura solida ed accurata e per l'approccio sperimentale con cui s'inserisce e confronta con il vivo contesto contemporaneo isolano dell'arte, dell'architettura e del design. Pietro inizia all'età di sedici con percorsi di apprendistato presso alcune falegnamerie di Nuoro e nel 2003 apre il proprio laboratorio con un percorso che già dopo pochi anni si distingue per l'attenzione che rivolge all'ambito artistico e creativo, attraverso la realizzazione degli allestimenti espositivi e le collaborazioni con i principali musei dell'isola come il Museo MAN e l'Istituto Superiore Regionale Etnografico di Nuoro, il Museo Nivola di Orani oltre alla Fondazione di Sardegna e alla Casa Editrice Ilisso. Particolarmente significativo è l'incontro con l'architetto designer Antonello Cuccu con il quale attiva una distintiva collaborazione caratterizzata dalla sinergia tra artigianato e design e che vede la realizzazione di importanti progettazioni d'interni e la produzione di oggetti di arredamento che interpretano con gusto nuovo temi ispirati alla Sardegna. Riconosciuto per la sua innata attitudine ed intuizione creativa Pietro Fois, con la sua falegnameria artigianale, è oggi un punto di riferimento per architetti e designer, forte di un lungo ed importante percorso professionale che raccoglie numerose esperienze e collaborazioni, tra le quali spicca la partecipazione alla XIX Biennale dell'Artigianato Sardo, Domo, vincitrice nel 2011 del prestigioso premio Compasso D'Oro.

Dal lavoro e dalla perizia tecnica espressa nei prodotti di Pier Paolo Mandis si legge la competenza che deriva da un'attività di tradizione familiare. Nato a Mogoro, paese dell'oristanese conosciuto per la viva attività artigianale, Pierpaolo Mandis cresce osservando la lavorazione del legno nella falegnameria del padre Carlino, specializzata nella produzione delle tipiche sedie con fondo impagliato della tradizione locale, capendo con sensibilità e rispetto la complessità del lavoro e l'importanza dell'esperienza. Con interesse e predisposizione personale apprende le tecniche di falegnameria e nel 2005, presa la gestione dell'attività di famiglia, affina e modernizza le procedure e personalizza il gusto rivolgendosi ad una a clientela che apprezza l'alta qualità del mobile artigianale e su misura mantenendo fede ai richiami alla tradizione locale. Nella sua falegnameria Su Maistu De Linna a Mogoro, Pier Paolo lavora con instancabile passione ed attenzione alle sue produzioni, sempre sensibile ed attento all'innovazione che indaga attraverso raffinati percorsi di collaborazione con designer locali

La produzione della falegnameria artigianale B&B di Giampiero Bitti si caratterizza per il pregio di manifattura e per l'originalità con cui riprende elementi della tradizione con sensibile citazione alla cultura locale. La sua attività vanta una ricca e significativa esperienza di famiglia, competenze che si tramandano di padre in figlio dal 1934, anno in cui suo nonno apre la falegnameria a Nule, paese del Goceano nel centro della Sardegna rinomato per le antiche e distintive tradizioni artigianali. Gianpiero eredita ed apprende sin da giovanissimo le tecniche e segreti di lavorazione dal padre Eugenio portando avanti una storia familiare giunta con lui e suo fratello Marco alla terza generazione. Come ultima ideazione, la falegnameria propone una linea di mobili di solida manifattura con fogge importanti e accurate rifiniture, caratterizzata da eleganti lavorazioni a mosaico realizzate con legni di diverso colore a cui vengono integrati, con bilanciato equilibrio, i rinomati e variopinti tessuti “fiammati”, lavorati esclusivamente a mano e tipici della lavorazione a telaio di Nule. Nel grande ed attrezzato laboratorio, con ampi spazi espositivi e di lavorazione, viene portato avanti quotidianamente un varia attività di produzione rivolta ad una clientela sensibile alla qualità dei materiali e all'alto pregio della manifattura.

La falegnameria dei fratelli Puggioni a Nuoro è custode di una preziosa storia familiare caratterizzata da antiche competenze artigianali tramandate dal 1930 per quattro generazioni. Sergio, Gianpaolo, Alberto cresciuti osservando e condividendo la passione e il lavoro del padre Francesco nella sua grande e attrezzata falegnameria, specializzata in infissi e arredamento artigianale, dal 2001 passano ufficialmente alla gestione della ditta. Eredi di un lavoro dal prestigioso passato che ha inizio con il bisnonno Angelo, autore di numerosi ed importanti portoni e serramenti per i palazzi storici del paese, continuano la loro produzione con la sapiente specializzazione artigianale di famiglia nella realizzazione degli infissi su misura, accompagnando a questa una linea di complementi d'arredo dal disegno originale. Lavorano con perfetta sinergia, singolarmente specializzati in specifiche fasi di lavorazione per ottenere un prodotto finito che è garanzia di alta qualità e di pregiata manifattura.

La produzione del mobilio tradizionale di Domenico Cugusi si contraddistingue per la fedeltà tecnica e la raffinata resa estetica che rende i suoi manufatti particolarmente affini agli originali. Abile falegname di Gavoi, paese barbaricino nel centro della Sardegna, Domenico inizia il suo percorso di apprendistato a bottega a soli tredici anni in una falegnameria del suo paese dove apprende le tecniche classiche di falegnameria. Spinto da personale interesse sviluppa ulteriormente le proprie competenze indagando le tecniche del tipico mobilio della tradizione, caratterizzato dal distintivo lavoro ad intaglio, raccogliendo un ricco e prezioso campionario di disegni e di ornati ripresi direttamente dai manufatti antichi, incontrati nel suo lavoro anche in occasione di lavori di restauro a lui commissionati. La cassa della tradizione, la panca, la credenza, la culla realizzate in legno di castagno con la caratteristica decorazione intagliata diventa per Domenico una produzione eseguita per vera passione, caratterizzata dalla fedeltà tecnica e dalla resa di procedure di finitura che restituisce ai suoi oggetti la parvenza del manufatto antico. Lavora nella sua falegnameria di Gavoi ad una ampia gamma di prodotti di diverso tipo, esponendo con grande riscontro la sua personale collezione di mobili tradizionali a mostre e fiere del settore artigianale, locali e nazionali.

Nei manufatti in legno di Giovanni Barra si legge grande maestria artigianale espressa nella solidità e precisione della lavorazione e nella ricercata bellezza delle decorazioni. Custode di una tradizione di famiglia giunta con Giovanni alla terza generazione, eredita con sentita passione l'attività da suo padre Raimondo, distinguendosi nel panorama artigianale per la raffinatezza della produzione che include gli oggetti tipici della tradizione da lui eseguiti con virtuosismo e ricchezza tecnica. Di particolare bellezza sono le sue decorazioni ad intaglio riprese dall'antica lavorazione delle casse nuziali tradizionali ed eseguite con pienezza di particolari in raffinate composizioni. Personalità motivata nel suo lavoro, approccia con fare originale e ricercato ogni singola lavorazione partendo dalla scelta dei materiali di pregio che seleziona e utilizza secondo le specifiche caratteristiche e le rese strutturali ed estetiche. Nel suo laboratorio a Samugheo, Giovanni Barra lavora alla sua diversificata produzione, partecipando annualmente alla Fiera dell'Artigianato Sardo di Samugheo che raccoglie le eccellenze dell'artigianato sardo.

Sergio Serra con il suo mobilificio artigianale porta avanti una tradizione di famiglia che tramanda preziose competenze da quattro generazioni. Fondata nel 1898 dal bisnonno Giuseppe, l’attività si è affermata nel territorio con una esclusiva produzione di mobili tradizionali, composta da pochi e pregiati elementi d’arredo caratterizzati da un distintivo repertorio di motivi decorativi realizzati ad intaglio. Negli anni Novanta il laboratorio artigianale, dopo un secolo di accurato lavoro, si trasferisce dal centro di Mogoro alla nuova area limitrofa artigianale, ingrandendo gli spazi e attrezzandosi dei più moderni macchinari. Oggi la produzione è costituita da un’ampia gamma di mobili su misura e arredi per abitazioni e strutture ricettive, mantenendo il distintivo tratto tradizionale espresso, in particolar modo, dalla maestria tecnica d’esecuzione delle decorazioni ad intaglio che ripropongono, con gusto nuovo, antichi codici di un linguaggio acquisito attraverso un pregiato passaggio di competenze da padre in figlio.

La falegnameria artigianale Castangia, fondata nel 1972 da Bernardino Castangia, da subito si specializza nella progettazione e realizzazione di infissi e porte di alta qualità di manifattura. Ancora ragazzino il figlio Maurizio frequenta la falegnameria attivando un prezioso percorso di apprendistato che lo porterà a conoscere e gestire con competenza le procedure e i segreti del mestiere, subentrando formalmente, nel 2008, alla guida dell’impresa. Con la gestione di Maurizio la produzione viene ampliata ed indirizzata sempre di più verso la realizzazione di complementi d’arredo, spesso collaborando con professionisti del settore quali architetti e progettisti, trovando più soluzioni capaci di soddisfare le diverse richieste del mercato con risposte altamente personalizzate.

Vincenzo Casu, artigiano esperto nella lavorazione del legno, fonda la falegnameria Techno Legno Plus nel 1977 a Mogoro, paese dell’oristanese ricco di viva tradizione. Artigiano di terza generazione, consolida e porta avanti le competenze familiari, trasferendo oggi la sua passione al figlio Luigi, lavorando negli anni su tutto il territorio isolano con la produzione di arredamento in legno su misura, del quale cura ogni singola fase fin dalla prima progettazione. Personalità creativa e sperimentale esprime un innato stile contemporaneo che lo porta sin da giovanissimo a viaggiare ed entrare in contatto con culture diverse. Intuito e attenzione per l’innovazione lo fanno collaborare con architetti in progetti strutturali e di nuovo design, ultimo dei quali è la riuscita linea di mobili e complementi d’arredo DMogoro, realizzata con l’architetto Roberto Virdis. La Techno Legno Plus, promuove ed aggiorna la sua produzione partecipando ai principali eventi fieristici del settore artigianale e d’arredamento.

Stefano Mereu, falegname ed intagliatore di Villamassargia, inizia l'apprendistato giovanissimo, appena quattordicenne in un laboratorio artigianale del suo paese. Appassionato per le lavorazioni più ricercate, nel suo percorso formativo seleziona i suoi maestri per la loro bravura e capacità di trasferire competenze. Nel 2007, forte delle abilità acquisite, decide di mettersi in proprio aprendo la sua falegnameria artigiana, avvalendosi negli ultimi anni della collaborazione dell’amico e collega Marcello Tosi, esperto falegname. Il suo intento è quello di svolgere lavori altamente personalizzati che si contraddistinguono per la qualità di manifattura sempre accompagnata da un’accurata scelta dei migliori materiali. Ogni lavoro nasce e si sviluppa in sinergia con il cliente fin dalla prima progettazione, in un percorso di preziosa interazione che porta alla realizzazione di oggetti unici e destinati a durare nel tempo.

La Falegnameria Ziranu & Balvis è oggi gestita da Francesco Balvis ma nasce nel 1960 dall’esperienza di Giovanni Ziranu, esperto e abile falegname. Giovanni abbina alle tecniche di falegnameria classica, acquisite presso una rinomata falegnameria di Nuoro, le più tradizionali tecniche d’intaglio e intarsio, apprese a bottega in un laboratorio artigiano di Orani. Con grande impegno trasferisce il proprio sapere al nipote Francesco, che sin da ragazzo dimostra una vera passione per il mestiere, frequentando nel periodo estivo la falegnameria dello zio. Nel 2001 subentra nella gestione della ditta, ampliando la produzione e perfezionando le tecniche secondo moderni criteri esecutivi. Alle tradizionali tecniche di falegnameria e di intaglio si affiancano lavorazioni in grado di rispondere alle esigenze di una moderna clientela, attenta alle esigenze di un vivere contemporaneo ma che vuole comunque mantenere vivo il collegamento con la ricca e colta tradizione locale.

La storia della ditta Artintaglio inizia con la straordinaria figura di Giovannimaria Solinas, Mastru Mimmiu, e rappresenta in maniera egregia il particolare evolversi, attraverso tre generazioni, della preziosa arte artigiana dell’intaglio e della lavorazione del legno. Maestro artigiano di straordinaria abilità e competenza, partecipò con le sue opere alle grandi esposizioni di Firenze e Milano del 1925, dove gli vennero conferiti il primo premio e la medaglia d’oro. Mario Renzo, figlio di Mastru Mimmiu, ancora quattordicenne entra nella bottega del padre, dove apprende l’arte del lavoro su legno, ma ancor di più intuisce le grandi potenzialità della competenza familiare, individuando nuovi prodotti e settori, mettendo il proprio particolare estro artistico a servizio dell’azienda con l'indispensabile collaborazione della moglie Rosalia. Ma è suo figlio Giovannimaria ad ereditare oltre al nome l’abilità nell'intaglio del celebre nonno, così come Maria, anche lei nipote di Mastru Mimmiu, abilissima intagliatrice, che fin da bambina frequenta la bottega di famiglia e all’età di quattordici anni decide di indirizzare la sua competenza all’arte dell’intaglio, raggiungendo risultati artistici di rara perfezione e bellezza. Fondamentale è anche la collaborazione con l'intagliatore Angelo Beccu per sviluppare progetti di particolare pregio e complessità. Il restauro dei manufatti lignei delle sale Appollinee del celebre Teatro La Fenice di Venezia, ottenuto con straordinario successo nel 2003, confermeranno in tutto il mondo la competenza della bottega artigiana sarda. Importante la collaborazione con lo studio romano dell’architetto Lopez, che permette all’azienda di sviluppare interessanti progetti internazionali a Parigi e negli Emirati Arabi.

Bruno Spiga, maestro mobiliere ed intagliatore, gestisce dal 1985 la falegnameria artigianale Arredointaglio di Villamassargia. La sua produzione si caratterizza per l’accurata manifattura artigianale di mobili su misura in cui è applicata la decorazione ad intaglio ripresa dalla tradizione, con il fedele studio dei canoni compositivi e modulari che l’artigiano ha nel tempo ripreso da manufatti originali. Partecipando a fiere ed eventi del settore, Bruno Spiga mantiene aggiornato il suo lavoro coniugando il linguaggio decorativo tradizionale alle nuove esigenze del mercato e collaborando con architetti e designer. L’esperienza maturata con oltre un ventennio di lavori eseguiti in Costa Smeralda per ville ed alberghi, ha portato l’azienda a specializzarsi negli arredi coordinati e su misura per strutture commerciali e ricettive, mantenendo sempre la massima cura dei dettagli e l’originalità delle decorazioni nel rispetto della tradizione.

La falegnameria artigianale Bruno Mandis di Mogoro, paese della Sardegna in provincia di Oristano e cuore vitale di antiche tradizioni, custodisce e tramanda da tre generazioni l'arte della lavorazione del legno. Sergio, Tiziana e Marco ereditano dal padre Bruno la gestione della falegnameria di famiglia, inizialmente dedicata, come da tradizione, alla realizzazione delle caratteristiche sedie impagliate, avviata da Bruno avvalendosi a sua volta dell’esperienza ereditata dal padre Dante. Con loro l'azienda si evolve, diversifica la produzione e si apre a nuovi mercati, mantenendo però costante l'incidenza artigianale nelle lavorazioni, caratterizzate dal pregiato lavoro ad intaglio. L’alta capacità produttiva della falegnameria, oggi attrezzata con moderni macchinari, risponde alle esigenze di un mercato differenziato, che varia dalla richiesta dell’oggetto singolo alla produzione di arredi coordinati per abitazioni, per strutture commerciali e ricettive, mantenendo costante l’esecuzione delle procedure artigianali e la cura dei dettagli eseguiti secondo tradizione.

Ricerca attuale:

[×]

Regione

: Sardegna
[×]

Tipologia di manufatto

: Arredamento in legno

Categorie di ricerca:

Click a term to refine your current search.

Stato

Settore

Regione

: all » Sardegna

Centro territoriale

Tipologia di manufatto

: all » Arredamento in legno

archivio
dei saperi artigianali
del mediterraneo

mediterranean
crafts
archive

X
Loading