Results 61 - 75 of 223

Results

Donnine della tradizione sarda matriarcale viaggiano con sguardo curioso ed innato orgoglio, senza confini di spazio e tempo, nelle opere Is Femmineddas, popolate da pesci, pescherecci, gatti e case fatiscenti di sbilanciata bellezza e poesia. L'originale produzione del laboratorio artigianale di Francesca Serra e Massimo Mei si contraddistingue per la creazione di oggetti artistici realizzati utilizzando legni e materiali di riciclo, già testimoni di lunga vita ed esperienza, in cui loro imprimono nuove forme e significati legati a suggestioni elaborate dalla loro multiforme isola. Per Francesca e Massimo il lavoro creativo è una sinergia, un fortunato incontro che accresce l'ispirazione, unendo al recupero di materiali l'originale racconto di memorie. Nella loro casa-laboratorio a Siliqua, paese del Sud Sardegna, si respira aria di creatività, circondati da legni e materiali dismessi selezionati per realizzare future narrazioni, portatrici di buonumore. Ormai riconosciuti nello stile inconfondibile, Is Femmineddas partecipano ai più importanti eventi fieristici del settore artigianale locale e nazionale e distribuiscono le loro opere nei principali negozi di artigianato e arredamento della Sardegna.

Inveloveritas è un progetto contemporaneo attivato dai giovani creativi Maria Francesca Maniga, sassarese formata nel settore della moda e Giuseppe Scalas, asseminese con poliedrica attività artistica. L'originale attività vuole veicolare attraverso una produzione artigianale, caratterizzata da un'estetica grafica e pulita, attente riflessioni sui significati delle tradizioni. Partono con una prima idea del velo e del differente concetto associato nelle diverse culture, riprendendo gli scialli e i copricapi dell'elegante e multiforme costume della tradizione isolana, ricostruendo con interventi di pittura a mano su procedure serigrafiche il profilo di un corpo femminile in cui il velo come unico vestito viene evidenziato con soluzioni estetiche sempre differenti. L'intento è quello di reintegrare l'elemento velo spogliandolo da preconcetti. Da questo tema, diventato loro firma distintiva, evolvono in nuove produzioni con un percorso originale in cui le ispirazioni alla tradizioni locali trovano nuove interpretazione caratterizzata da significati e contenuti. Il proprio spazio, Inveloveritas Temporary Lab, nel quartiere della Marina nel centro storico di Cagliari, è un luogo che esprime sperimentazione e apertura alle contaminazioni artistiche e alle collaborazioni, in linea con la filosofia dei due creativi che considerano l'arte e la moda mezzi espressivi e di contemporanea indagine sociale.

La ceramiche di Ignazia Tinti incantano per la delicatezza dei minuziosi dettagli che evocano con poesia il pane cerimoniale nella tradizione locale. Formata al Liceo Artistico di Cagliari inizia un ricco percorso di ricerca e specializzazione come artista e come ceramista, indagando diverse forme di lavorazione plastica e scultorea, con la significativa esperienza presso la fonderia del noto scultore Franco D’Aspro a Cagliari che la porta ad acquisire la qualifica di orafa. Le diverse competenze tecniche la conducono a raggiungere un'identità stilistica ben definita che affonda le sue radici nella preziosa indagine eseguita sul pane della tradizione sarda, su pani pintau, ricchissimo nelle decorazioni plastiche benaugurati a cui lei s'ispira con distintiva manifattura che è risultato di contaminazioni di tecniche orafe e ceramiche. La gallinella ed i pulcini sono il suo simbolo, riprodotti con accurata, paziente e preziosa manifattura. Personalità sensibile, Ignazia Tinti ha maturato esperienze d'insegnamento con finalità sociali, attivando tra l'altro una lunga collaborazione con la comunità di Padre Morittu dei frati minori Francescani di Sardegna. Il suo laboratorio La Fantastica Bottega ad Assemini, paese di antica tradizione ceramica, è una distintiva e premiata espressione artigianale del vivo sapere locale. Partecipa ed espone ai principali eventi fieristici, concorsi e mostre delle eccellenze locali ed internazionali ed è presente nei più significativi punti vendita dell'artigianato isolano.

I gioielli di Goffredo Pisu sono frutto di maestria ed estro creativo espresso con evidente competenza orafa, realizzati artigianalmente in tutte le sue parti. A soli dodici anni inizia il suo apprendistato a bottega imparando l'antica lavorazione tipica locale della filigrana, oltre alle tecniche classiche di oreficeria. La formazione si consolida con l'esperienza presso il laboratorio Bruno Cabras a Cagliari che gli permette di acquisire le competenze per aprire il proprio laboratorio nel 1981 a Pirri. Da quel momento in poi continua ad approfondire le proprie competenze professionali attivando proficue collaborazioni anche con realtà orafe valenzane. Gioielli tradizionali sono rivisitati con gusto raffinato e arricchiti con il sapiente uso di tecniche orafe non tipicamente locali che restituiscono sul piano estetico una forza e solidità di grande impatto scenico.

Nei manufatti in legno di Giovanni Barra si legge grande maestria artigianale espressa nella solidità e precisione della lavorazione e nella ricercata bellezza delle decorazioni. Custode di una tradizione di famiglia giunta con Giovanni alla terza generazione, eredita con sentita passione l'attività da suo padre Raimondo, distinguendosi nel panorama artigianale per la raffinatezza della produzione che include gli oggetti tipici della tradizione da lui eseguiti con virtuosismo e ricchezza tecnica. Di particolare bellezza sono le sue decorazioni ad intaglio riprese dall'antica lavorazione delle casse nuziali tradizionali ed eseguite con pienezza di particolari in raffinate composizioni. Personalità motivata nel suo lavoro, approccia con fare originale e ricercato ogni singola lavorazione partendo dalla scelta dei materiali di pregio che seleziona e utilizza secondo le specifiche caratteristiche e le rese strutturali ed estetiche. Nel suo laboratorio a Samugheo, Giovanni Barra lavora alla sua diversificata produzione, partecipando annualmente alla Fiera dell'Artigianato Sardo di Samugheo che raccoglie le eccellenze dell'artigianato sardo.

Gian Marco eredita e porta avanti con passione un'attività appresa in famiglia dalla madre, originaria di un paese dell'Alta Marmilla, area geografica rinomata per l'antica tradizione tessile. La sua produzione si caratterizza per la lavorazione a pibiones, declinata in molteplici varianti cromatiche e decorative, riprendendo i motivi geometrici e floreali dell'iconografia tradizionale. Subentrando nella gestione di un'attività con quasi quarantanni di esperienza Gian Marco sceglie di continuare il percorso professionale avviato in famiglia proponendo una produzione caratterizzata dall'evidente stile tradizionale.

Franco Zedda si distingue nello scenario regionale per l'abile maestria e competenza orafa con cui porta avanti l'antica lavorazione della filigrana, eseguita con virtuosismo secondo gli stilemi della più sofisticata tradizione orafa sarda. La sua maestria si dimostra nella riuscitissima realizzazione dei gioielli più complessi del ricco repertorio orafo isolano, quelli per la cui creazione è necessario avere abilità, conoscenza ed esperienza, in una produzione che incanta per bellezza e cura di ogni più piccolo dettaglio. Inizia in suo percorso formativo come fonditore artistico alla scuola del scultore Franco D'Aspro, accostandosi successivamente alla lavorazione orafa della filigrana con il rinomato maestro filigranista Gianpaolo Arrais a Cagliari. Nel 1990 apre il proprio laboratorio orafo nel centro storico d'Iglesias, apprezzato e ricercato da una clientela sensibile alla qualità di una manifattura di pregio e originale nelle procedure di lavorazione della filigrana. Personalità motivata ed entusiasta della sua professione si integra attivamente nel territorio partecipando come insegnate di materie orafe a corsi per giovani studenti organizzati dal suo Comune in collaborazione con il Liceo Artistico e intervenendo ad eventi e manifestazioni di respiro internazionale in cui attiva esclusivi confronti e collaborazioni. Significativa è l'esperienza di collaborazione con i designer Setsu e Shino bu Ito all'interno del progetto per la XIX Biennale dell'Artigianato Sardo vincitrice nel 2011 del prestigioso premio Compasso D'Oro.

Gioielli e coltelli di pregiata eleganza e di alta manifattura sono le creazioni di Fabrizio Loi, orafo coltellinaio d'innato talento artigianale e raffinato senso estetico riconoscibile nel suo lavoro come tratto distintivo. Fabrizio con processo creativo affronta due delle antiche pratiche artigianali della tradizione sarda, l'oreficeria e la coltelleria, esprimendo con virtuosismo tecnico rimandi arcaici alla cultura isolana per la realizzazione di manufatti in cui le eleganti forme si combinano con sinergia all'alta funzionalità. La sua formazione inizia nel modo più efficace e tradizionale, a bottega presso i laboratori di abili maestri orafi filigranisti di Cagliari, distinguendosi da subito per la predisposizione tecnica ed l'estro creativo. Nel 2008 apre il suo laboratorio showroom nel centro storico d'Iglesias in cui lavora con infaticabile professionalità, introducendo l'innovazione nelle forme e nelle tecniche con un personale percorso di ricerca che lo porta ad indagare e sviluppare con esiti eccellenti anche l’arte del coltello sardo. Rivolgendosi ad una clientela esigente, come quella dei collezionisti, l'artigiano mira infatti alla perfezione assoluta nello studio di un estetica esclusiva, nella ricerca dei materiali, nella realizzazione di una meccanica impeccabile, qualità ben evidenti nella sua pregiata e diversificata produzione.

Le pregiate ceramiche di Doriana Usai sono il risultato del perfetto connubio tra una preziosa competenza artigianale di famiglia, giunta con lei alla quinta generazione, unita ad un percorso formativo di eccellenza nella lavorazione della ceramica. Cresciuta respirando l'area creativa della tradizione nel laboratorio del padre Efisio Usai ad Assemini, centro di antica e rinomata produzione ceramica, Doriana dopo il Liceo Artistico di Cagliari prosegue la formazione in ambito ceramico frequentando prestigiosi corsi a Faenza, a Montelupo Fiorentino e Deruta, decidendo infine di ampliare la propria formazione laureandosi all'Università E- Campus di Milano in lettere e in design. Forte di competenza e motivata da sincera ispirazione, la produzione di Doriana Usai si caratterizza per la bellezza della lavorazione artigianale e per la ricchezza delle decorazioni che raccontano storie di antiche tradizioni espresse in ricercati esiti decorativi. Esperta torniante vince numerose volte il campionato mondiale di lavorazione al tornio a Faenza e dal 2006 è iscritta all'albo speciale di produttori di ceramica artistica con marchio DOC. Partecipa come rappresentate delle eccellenze locali a mostre in ambito nazionale ed internazionale ed ai principali eventi fieristici dedicati all’artigianato sardo.

La viva e distintiva produzione ceramica di Domenico Cubeddu trasmette con abile ed espressivo lessico personale racconti di suggestioni fortemente radicate nella cultura isolana. Sono ricordi d'infanzia e di quotidianità, dettagliate analisi di tratti caratteriali, oppure astrazioni in cui la narrazione è solo un piccolo cenno realizzata con l'abilità di sintesi che caratterizza la cultura sarda nelle espressioni estetiche più arcaiche. Formato all'istituto d'arte di Oristano, Domenico comprende le possibilità a lui offerte dalla ceramica come mezzo espressivo, attivando un personale percorso di sperimentazione che lo porterà a delineare una ben definita identità artigianale ed una distintiva produzione. Apre nel 2000 la sua bottega nel proprio paese d’origine, Seneghe, luogo di antica storia e tradizione situato nel centro del versante occidentale isolano, da cui trae continua ispirazione. Partecipa alle principali esposizione del settore in Sardegna e la sua produzione è presente nei negozi ed espositori riservati alle eccellenze artigianali.

Alla pregiata e distintiva produzione del Laboratorio Tessile Medusa di Samugheo, paese dell'oristanese rinomato per la viva tradizione tessile, lavorano le sorelle Marcella e Daniela Sanna, che con intuizione ed intraprendenza rilevano alla chiusura nel 2004 un'attrezzata e storica attività tessile aperta negli anni settanta. Le competenze acquisite in ambito familiare diventano strumento per un nuovo percorso imprenditoriale. Nella ricercata produzione tessile del laboratorio, seguito in tutti gli aspetti con abilità e competenza da Marcella, il sapere artigianale viene traslato ed innovato con sapiente linguaggio stilistico di elegante impatto scenico, forte di sincera conoscenza e legame con la tradizione unita all'abile sentire dei nuovi e stimolanti impulsi offerti dal contesto contemporaneo. Numerosi e significativi sono i lavori personalizzati per l'arredo tessile di case ed importanti strutture alberghiere nella rinomata zona turistica della Costa Smeralda e nelle principali aree turistiche isolane. Particolarmente attivo, il laboratorio con la sua produzione partecipa annualmente alla rinomata Fiera dell'Artigianato Sardo di Samugheo in cui espongono le maestranze isolane di maggior prestigio, rappresentativo del contesto d'eccellenza e competenza tessile del paese.

La produzione Ceramiche Mattana è un'attività a conduzione famigliare fondata nel 1987 da Ignazia Mattana e oggi gestita dalla figlia Simona che porta avanti con rinnovato entusiasmo e competenza la tradizione di famiglia. Dopo aver concluso l’apprendistato presso il laboratorio di un noto ceramista locale, iniziato a soli quindici anni, Ignazia decide di aprire il proprio laboratorio ad Assemini, paese di antica e rinomata tradizione ceramica, motivata da grande passione e fortemente supportata nella nuova attività dal marito Luciano. La produzione inizia con una ristretta serie di vasellame per la tavola smaltato e decorato con motivi ripresi dal campionario tipico della tradizione locale. Simona fin da piccola partecipa con vivo interesse alla vita del laboratorio, collaborando fattivamente alla produzione. Prosegue in seguito la propria formazione diplomandosi all'Accademia delle Belle Arti di Firenze nel corso di scultura. Nel tempo l'attività si consolida e la produzione cresce con l'introduzione di nuove forme e con la personalizzazione dei motivi, sempre incentrati sulla tradizione. Le collezioni Ceramiche Mattana sono oggi presenti nei negozi dei maggiori centri turistici dell’isola specializzati nella proposta di produzioni artigianali di qualità.

Nelle produzioni Celeste Ceramiche di Celestina Spiga si legge l’eco di una storia antica tradotta in chiave contemporanea. Sensibile artigiana, inizia giovanissima a soli sedici anni ad apprendere l'arte della ceramica nella bottega di un ceramista allievo del famoso ceramista Stelio Mola, conosciuta manifattura caratterizzata per la linea di ceramiche figurate d’ispirazione sarda, rivelando da subito un'alta predisposizione manuale e una sincera attitudine artistica. Nel '91 apre una propria attività ad Elmas, paese del circondario di Cagliari, dando inizio ad una distintiva produzione di figure in costume tradizionale di cui riprende con perizia di particolari le fogge e i colori, richiami ad un vasto campionario di bellezze locali. La figura femminile in particolare viene elaborata nel tempo approdando a soluzioni di sintesi in cui linee sinuose di panneggi e pochi elementi di colore riescono a trasmettere il racconto, ben più complesso, di antiche tradizioni. Le produzioni Celeste Ceramiche oltre che nel laboratorio di Elmas sono presenti in innumerevoli punti vendita dei maggiori centri turistici isolani specializzati in manufatti artigianali di qualità.

Caterina Porcu affronta la lavorazione della ceramica con stile sperimentale, seguendo un istinto ed una vocazione naturale che la porta a tracciare un personale percorso da autodidatta con evidente carattere artistico. Nel 2009 apre il proprio laboratorio Luce Buio ad Oristano, culla di antiche tradizioni della lavorazione ceramica, avvalendosi del prezioso supporto dei figli Rosanna e Alessio entrambi diplomati all'Istituto d'Arte. L'intento e lo stile sono definiti e direzionati verso una produzione di complementi d'arredo e vasellame dalle linee pulite e scultoree in combinazione con lavorazioni dal forte impatto artistico e pittorico. Il richiamo alla tradizioni locali sono citazioni di forme e motivi decorativi espressi elaborando tecniche varie in combinazioni sperimentali ed in particolare con la lavorazione raku, declinata nelle varianti raku nudo e raku pit firing. La produzione Luce Buio è presente nei principali negozi e rivenditore di ceramica artistica locali e partecipa alle principali mostre delle eccellenze artigianali in Sardegna.

Nelle borse di Carlottinalab. di Carlotta Franzini si percepisce il vero senso del “fatto a mano”, risultato di un processo creativo e artigianale fortemente sentito. Le sue creazioni hanno come firma distintiva l'uso di tessuti grafici e artistici, combinati con la pelle, il cuoio e il sughero e lavorati con alta qualità di manifattura, frutto di una sensibile scelta dei materiali e di un accurata e sapiente realizzazione fino alle più piccole rifiniture. Da sempre affascinata dal poliedrico mondo dei tessuti, dei filati e della confezione, che respira in famiglia e che approccia con estro creativo e attitudine innata, Carlotta giovanissima da vita nel 2005 all'interessante progetto Carlottinalab., un laboratorio artigianale che lei definisce “portatile”, esprimendo un concetto che mette al centro del processo creativo l'artigiano con i suoi tempi ed i suoi luoghi d'ispirazione. Ed in questa direzione si muove seguendo l'intuizione delle potenzialità legate al nascente mondo dei social media e del web. La sua formazione già ricca di esperienza si completa con la laurea in Architettura all'Università di Cagliari e con un corso di perfezionamento delle tecniche sartoriali. Oggi vive e lavora nel paese di Sant'Anna Arresi, vicino al mare nel Sud della Sardegna, con il marito Simone e il piccolo Nanni, sostenuta da una ricca e affettuosa partecipazione familiare. Distribuisce le sue creazioni attraverso il suo sito internet di e-commerce e con attiva partecipazione nei principali social network, oltre che in esclusiva collaborazione con alcuni punti vendita isolani specializzati nel settore dell'hand made.

Categorie di ricerca:

archivio
dei saperi artigianali
del mediterraneo

mediterranean
crafts
archive

X
Loading