Collezione IMtegrale

La collezione IMtegrale nasce come esito finale di Artimed, progetto di cooperazione decentrata che ha incluso la regione Sardegna, Toscana e Lombardia. Le attività che hanno portato alla realizzazione dei prototipi sono state condotte in parte in Italia e in parte in Marocco, declinate in maniera specifica in ciascuno dei territori interessati.

 

In Sardegna si è voluto attivare un percorso virtuoso di contaminazione e meticciamento delle espressioni artigianali locali, valorizzando le competenze delle popolazioni marocchine residenti nel territorio isolano e favorendo il loro coinvolgimento attivo all’interno di nuovi scenari produttivi. In collaborazione con Amal Sardegna-Marocco, associazione che coinvolge donne migranti marocchine promuovendo la loro fattiva integrazione all’interno della società sarda, grazie anche al coinvolgimento di un’interessante realtà artigianale sarda, localizzata nel comune di Armungia, si è portato avanti un percorso progettuale concentrato sulla valorizzazione delle peculiarità espressive legate alle tecniche artigianali tradizionali femminili.

 

In questa fase di sperimentazione un importante contributo strategico è stato dato dal Dipartimento di Architettura, Design e Urbanistica (DADU) dell’Università degli Studi di Sassari/Alghero e del Dipartimento di Ingegneria Civile, Ambientale e Architettura (DICAAR) dell’Università degli Studi di Cagliari.

 

Attraverso incontri seminariali e workshop tecnico-progettuali si sono definiti i prototipi e studiati adeguati strumenti di comunicazione che riuscissero a far comprendere la complessità e peculiarità del percorso intrapreso.

 

La valorizzazione delle competenze artigianali minime possedute dalle donne migranti, abilità legate quasi esclusivamente alle tecniche di confezione e di ricamo dell’abito tradizionale femminile, la gellaba, sono state estrapolate e declinate in diversi elementi decorativi, utilizzati per realizzare collane e decorare cuscini, mentre con il macramè si sono realizzati i manici di alcune borse in tessuto tradizionale sardo, realizzato a mano ad Armungia.

 

La produzione dei prototipi è stata accompagnata e valorizzata attraverso l’ideazione del logo della collezione e lo studio di tutta l’immagine coordinata delle iniziative che hanno caratterizzato il progetto.

 

Una parte importante della collezione è stata realizzata a Marrakech, in collaborazione con Dipartimento di Architettura e Design di Firenze, partener di progetto, l’Ecole Supérieure des Arts Visuels (ESAV) e il Centre de Formation et Qualification des Métiers de l’Artisanat de Marrakech (CFQMAM di Marrakech). Il Lavoro degli studenti è stato finalizzato allo sviluppo della collezione e alla realizzazione d’idonei strumenti di comunicazione. Grazie alla collaborazione con due laboratori artigiani specializzati nel lavoro di passamaneria e di decoro su legno si è completata la collezione di collane.

 

L’incontro con la cultura e il popolo marocchino è stato raccontato nel video Share(d)esign-Artimed e nei prodotti grafici e di motion design che di fatto hanno costituito l’immagine grafica di questa fase di progetto, che vede nella peculiarità del processo attivato il suo significato più profondo.

Immagini

X
Loading